Come Funziona il Basket Americano? Le basi e le dinamiche

Author:

Published:

Updated:

Come Funziona il Basket Americano

Affiliate Disclaimer

Angolosportivo.com è affiliato con Amazon, Decathlon e altri importanti punti vendita. In qualità di affiliato, ho diritto a ricevere una commissione per le vendite derivanti dai link presenti nei miei articoli.

Il basket americano ha una storia lunga e ricca, che affonda le sue radici alla fine del 1800.

Come sport, si è evoluto e trasformato nel tempo, tanto che oggi l’NBA è una delle leghe sportive professionistiche più popolari al mondo.

Con la crescita e il cambiamento del gioco, sono cambiate anche le regole e i regolamenti che lo circondano.

Se siete appassionati di basket professionistico o semplicemente curiosi di conoscere il gioco, questo blog vi fornirà uno sguardo approfondito su come funziona il basket americano.

1. Panoramica dello sport

Panoramica dello sport

Il basket americano è uno sport popolare negli Stati Uniti e in tutto il mondo.

È uno sport di squadra giocato da due squadre di cinque giocatori ciascuna e si svolge su un campo rettangolare.

L’obiettivo del gioco è segnare punti tirando la palla attraverso un canestro montato su un tabellone a ogni estremità del campo.

Vince la squadra che ha più punti alla fine della partita.

La pallacanestro è un gioco veloce ed emozionante che è diventato sempre più popolare negli ultimi anni.

Il gioco è praticato a livello internazionale dal 1936, e le Olimpiadi sono l’evento più importante.

Il basket americano è anche uno sport popolare nelle scuole superiori e nei college degli Stati Uniti.

Negli Stati Uniti esistono due campionati professionistici di pallacanestro. La National Basketball Association (NBA) conta 30 squadre ed è il campionato professionistico di pallacanestro più antico del mondo.

La Women’s National Basketball Association (WNBA) è stata fondata nel 1996 e attualmente conta 12 squadre.

2. Regole di base e gioco

Ogni squadra ha a disposizione un timeout per ogni quarto e ha 24 secondi per tentare un tiro una volta entrata nella metà campo avversaria. La partita è divisa in quattro quarti, ciascuno della durata di 12 minuti.

I falli nella pallacanestro si dividono in tre categorie: personali, tecnici e antisportivi.

I falli personali vengono commessi quando un giocatore usa una forza fisica o un contatto eccessivo contro un avversario.

La sanzione per un fallo personale consiste in due tiri liberi per la squadra avversaria.

I falli tecnici si verificano quando un giocatore viola le regole del gioco, ad esempio discutendo con un ufficiale di gara.

La penalità per un fallo tecnico è un tiro libero e il possesso di palla da parte della squadra avversaria.

I falli antisportivi vengono commessi quando un giocatore o un allenatore agisce in modo antisportivo, ad esempio schernendo un avversario o un ufficiale di gara.

La sanzione per un fallo antisportivo consiste in due tiri liberi e nel possesso di palla da parte della squadra avversaria.

Le regole della pallacanestro liceale sono simili a quelle universitarie e professionali, ma ci sono alcune differenze.

Ad esempio, nelle partite delle scuole superiori, il limite di falli personali è 5 mentre nell’NBA è 6. (Raggiunto il limite di falli si deve necessariamente abbandonare il campo da gioco).

Inoltre, il tempo di tiro è fissato a 30 secondi invece che a 24.

Ci sono inoltre altre infrazioni come i passi e il doppio palleggio, per il regolamento completo vi rimando al mio articolo sulle regole della pallacanestro.

3. Sistema di punteggio

Nel basket americano, il sistema di punteggio è semplice.

Ogni tiro riuscito dal campo vale due punti, mentre un tiro tiro libero vale un punto.

Se un giocatore tira da dietro la linea dei 3 punti, il suo tiro riuscito vale tre punti.

La squadra con il maggior numero di punti alla fine della partita è la vincitrice.

Se il punteggio è in parità alla fine dei tempi regolamentari, le squadre accedono ai tempi supplementari e continuano a giocare ad oltranza finché non c’è un vincitore, in poche parole: nel basket non esiste il pareggio.

4. I Ruoli del Basket

I Ruoli del Basket

Le posizioni tradizionali di ciascuna squadra sono: centro, ala grande, ala piccola, guardia o guardia tiratrice e playmaker.

  • Il centro è di solito il giocatore più alto della squadra e spesso gli viene chiesto di bloccare i tiri o prendere i rimbalzi.
  • L’ala grande è di solito il secondo giocatore più alto della squadra ed è specializzato in rimbalzi e difesa.
  • L’ala piccola è spesso il terzo marcatore della squadra, oltre che un forte rimbalzista e difensore.
  • La guardia tiratrice di solito è un ottimo tiratore, mentre il playmaker, il giocatore più piccolo della squadra, è generalmente responsabile di dirigere le azioni dei compagni di squadra durante il gioco.

Le Posizioni dei Giocatori nell’era Moderna

Un tempo esistevano giocatori abili in alcune aree ma carenti in altre.

Negli ultimi anni, tuttavia, abbiamo visto un numero crescente di giocatori in grado di eccellere in più di una posizione e quindi molto più versatili.

L’arrivo in NBA di Steph Curry ha cambiato completamente il gioco, ora vediamo lunghi mettere triple con facilità come se non ci fosse un domani.

  • Il gioco si è spostato dietro l’arco dei 3 punti e vediamo sempre meno penetrazioni in area.
  • La popolarità dei tiri dalla lunga distanza fa sì che molti atleti si concentrino su questi tentativi e lascino spazi nella parte centrale del campo.
  • La fase difensiva, rispetto agli anni passati, è al di sotto degli standard e mancano giocatori specializzati in questo settore.
  • Questa carenza può essere ricondotta ai cambiamenti delle regole che hanno reso più difficile la vita dei difensori rispetto a quella degli attaccanti (gli arbitri ora fischiano troppi falli; gli arbitri danno troppi vantaggi agli attaccanti).
  • La Posizione del Centro è in via di estinzione.

5. Dimensioni del campo

Il campo da gioco della pallacanestro americana è lungo 28 metri e largo 15.

Il campo è diviso a metà dalla linea di metà campo e ogni metà è ulteriormente divisa in due corsie di tiro libero.

La linea dei tiri liberi è a 5,8 metri dal tabellone e la linea dei tre punti è a 7,25 metri. Il canestro è alto 3,05 metri.

Dettaglio Storico: Durante il suo primo anno nell’NBA, Shaquil O’Neal era così grande da sfondare e frantumare molti tabelloni durante le schiacciate. Per evitare il ripetersi dell’incidente di Shaq, in tutti i campi NBA furono introdotti dei nuovi canestri, dotati di una struttura più robusta e a prova di Shaq.

6. Campionati e tornei popolari

Il basket professionistico negli Stati Uniti è organizzato in diversi campionati e tornei.

Le quattro più importanti sono la National Basketball Association (NBA), la Women’s National Basketball Association (WNBA), la NBA G League e la NBA Summer League.

Ognuno di questi campionati ha le sue regole e i suoi regolamenti, oltre a una serie di squadre e giocatori famosi.

  • La National Basketball Association (NBA) è il principale campionato professionistico di pallacanestro degli Stati Uniti.
  • La WNBA è l’unica lega professionistica di basket femminile degli Stati Uniti.
  • La NBA G League è la lega minore ufficiale dell’NBA e offre ai giocatori emergenti l’opportunità di affinare le proprie capacità.
  • L’NBA Summer League è un’opportunità entusiasmante per i fan di vedere le future stelle dell’NBA e la possibilità per le squadre di tutte le 30 franchigie di testare i giocatori del primo anno in un ambiente competitivo.

7. Allenatori e giocatori famosi nell’NBA

Michael Jordan, LeBron James e Shaquille O’Neal sono stati i più grandi giocatori di basket del loro tempo. Un elenco altrettanto impressionante di grandi allenatori comprende Phil Jackson e Gregg Popovich.

A queste leggende si aggiungono alcuni giocatori e allenatori attuali che stanno lasciando il segno nell’NBA. Alcuni esempi sono Stephen Curry, Kevin Durant, Luka Doncic, Kawhi Leonard e Giannis Antetokounmpo.

8. Cos’è Il Draft NBA?

Il Draft NBA è un evento annuale in cui le 30 squadre del campionato selezionano nuovi giocatori da aggiungere ai loro roster.

È un’occasione per le franchigie in difficoltà di fare una grande mossa e di costruire un campionato. Il draft si svolge ogni anno a fine giugno e l’ordine delle scelte è determinato dai risultati ottenuti dalle squadre nella stagione precedente.

Il draft è un modo per le squadre di rifornire il proprio roster di giocatori giovani e di talento. È anche un’occasione per le squadre che hanno avuto una stagione negativa di sfruttare le loro alte scelte al draft e trovare i pezzi necessari per fare una corsa ai playoff.

Le prime scelte ai Draft vengono attribuite alle squadre che hanno ottenuto il peggior record nella stagione precedente.

La squadra con il peggior record riceve la prima scelta assoluta, poi ogni squadra successiva in ordine di record ottiene un’altra scelta fino a quando non sono state assegnate tutte e 30 le scelte.

9. All-Star Game e ai playoff

All-Star Game e ai playoff

L’All-Star Game è un evento annuale che mette uno contro l’altro i migliori giocatori del campionato. Si svolge a Febbraio ed è una vetrina per i migliori giocatori del campionato.

L’All-Star Game è solo uno dei numerosi eventi che compongono il weekend delle stelle dell’NBA, che comprende anche gare di abilità e altri eventi, come la gare dei 3 punti e la gara delle schiacciate.

Il campionato NBA è diviso in regular season e Playoff. I playoff NBA ssi svolgono dopo la stagione regolare e che decidono quale squadra rappresenterà la rispettiva conference nelle finali.

I playoff sono composti da quattro turni: Primo turno, Secondo turno, Finali di Conference e Finali NBA.

Conclusione

In conclusione, la pallacanestro americana è uno sport appassionante che ha guadagnato popolarità grazie alla sua diffusione in tutto il mondo.

È un gioco veloce che richiede ai giocatori un’eccellente condizione fisica, un lavoro di squadra e lo sviluppo di strategie.

L’NBA ha fatto un ottimo lavoro di promozione di questo sport e i fan sono ansiosi di vedere i loro giocatori preferiti esibirsi.

La popolarità della pallacanestro ha portato alla creazione di campionati a tutti i livelli, compresi quelli professionali e amatoriali.

E con così tante persone che giocano in tutto il mondo, è probabile che questa tendenza continui negli anni a venire.

About the author