Migliori Pantaloni da Trekking : Guida alla Scelta e Top 7!

Migliori Pantaloni da Trekking : Guida alla Scelta e Top 7!

Questo Articolo Potrebbe contenere link di Affiliazione dei link di affiliazione Amazon o Awin, cliccando sui link e successivamente effettuando un acquisto mi permetterete di guadagnare una piccola commissione, nessun aumento di prezzo ovviamente. Maggiori informazioni qui.

Voler indossare i migliori pantaloni da trekking durante l’attività non è solo questione di estetica e stile, questo indumento rappresenta per l’escursionista un elemento fondamentale pratico, protettivo e tecnico.

Si può pensare che nei pantaloni proposti nell’abbigliamento tipico da escursione, vi siano anche contenuti tecnologici, specialmente nell’utilizzo dei tessuti, oltre che nelle funzioni che un paio di pantaloni oggi deve svolgere quando lo indossi per le tue camminate in montagna.

Prima di scegliere i pantaloni da trekking più indicati per te, è importante conoscere quali sono le tante possibilità e alternative che il settore abbigliamento da montagna attualmente offre, con l’intento di scegliere il prodotto giusto in base alla tipologia di escussione, alla sua durata, alla stagione e alla frequenza.

E infatti innegabile che i migliori progressi del settore siano visibili specialmente quando ti approcci ad un pantalone idoneo per più stagioni: esistono pantaloni lunghi che possono diventare corti eseguendo un operazione di trenta secondi, modelli che sono in grado di proteggerti da pioggia e vento pur essendo molto leggeri, altri che invece hanno più tasche per contenere diversi oggetti che possono tornare utili durante le lunghe escursioni.

I modelli recensiti sono tutti validi per aspetti diversi e davvero la differenza viene fatta da dettagli.

Decathlon offre un eccellente rapporto qualità – prezzo e tale scelta è ottimale per chi si avvicina ala pratica del trekking, mentre marchi come Salewa, Mammut o Marmot sono tra i top di mercato e quindi offrono una certezza: la scelta sarà eccellente comunque.


Tabella comparativa pantaloni da trekking

pantaloni trekking estivi
ModelloStagioneTipologiaEscursioniFascia di prezzo
Forclaz Trek 100EstivaConvertibiliBreviEconomica
Forclaz Trek 700 UomoEstivaLunghiMedieEconomica
Forclaz Trek 900MediaMedioLungheMedia
Salewa Sesvenna SkitourPrimavera/AutunnoLunghiLungheAlta
Mammut RunboldPrimavera/EstateConvertibiliMedieMedia
SukutuLunghiLunghiMedieEconomica
Marmot Minimalist PantPrimavera/AutunnoLunghiMedieAlta


Top 7 pantaloni da trekking: le scelte di angolosportivo.com


1) Forclaz Trek 100 Donna

Forclaz-Trek-100-Donna

Sono pantaloni in tessuto tecnico Ripstop, dotati di rinforzi idrorepellenti su gambe e glutei.

Il tessuto leggero permette una facile asciugatura dopo il lavaggio e anche in caso di sudore.

Inoltre gli inserti elasticizzati offrono adattabilità e grande vestibilità.

I pantaloni sono componibili, nel senso che da lunghi, possono diventare corti semplicemente sganciando una cerniera.

Il rapporto qualità – prezzo è eccellente.

Pro :

  • Vestibilità
  • Funzionalità
  • Comfort
  • Qualità – prezzo

Contro :

  • Non impermeabili

2) Forclaz Trek 700 Uomo

Forclaz-Trek-700-Uomo

Leggeri, resistenti e comodi. Alcune delle principali caratteristiche sono inglobate in questo prodotto di Dacathlon per soddisfare l’escursionista medio o principiante che vuole percorrere tragitti di lunghezza media con difficoltà media.

Presenti i rinforzi idrorepellenti sui glutei e sulla parte anteriore, da metà coscia alla caviglia, dotati di molte tasche per offrire maggiore praticità.

Peccato per la mancanza di un sistema di regolazione nella parte inferiore vicino alle caviglie.

Il tessuto è molto leggero e quindi i pantaloni sono indicati per l’estate o la primavera.

Pro :

  • Traspirabilità
  • Qualità – prezzo
  • Comfort

Contro :

  • Nessun sistema di regolazione caviglie

3) Forclaz Trek 900 Uomo

Pantaloni di fascia medio – alta che Decathlon propone per la mezza stagione, che non disdegnano le temperature fresche e il clima ventoso.

Idrorepellenti e antivento, vestono bene in modo non troppo largo e presentano diversi rinforzi, tra cui anche uno sotto il cavallo.

Per questo significa che sono utili per le escursioni anche più lunghe. I pantaloni Trek 900 sono traspiranti e si lavano in lavatrice.

Decisamente valido il tessuto tecnico sintetico.

Pro :

  • Resistenza
  • Antivento

Contro :

  • Non impermeabili

4) Salewa Sesvenna Skitour

Non ti fare ingannare dal nome: non sono pantaloni da sci.

Questo modello di fascia alta di mercato è ideale per percorsi difficili in alta montagna di Hiking e Trekking durante la stagione estiva o primaverile.

Il tessuto è eccellente grazie alla presenza di softshell, ottimale per allontanare il vento.

Nella composizione tessile vi è anche una percentuale di bambù, ottimo per combattere i cattivi odori.

Il modello veste abbastanza stretto, ma una parte elasticizzata posta sotto il cavallo favorisce i movimento.

Pro :

  • Tessuto
  • Idrorepellenza lunga durata

Contro :

  • Prezzo
  • Isolamento termico
In Offerta
Salewa Sesvenna Skitour Pantalone da Escursione, Uomo, Black...
  • Vestibilità: fit atletico
  • Lunghezza cucitura laterale: 110 cm
  • Resistente al vento
  • Tassello per una libertà di movimento ottimale

Ultimo aggiornamento 2020-11-27 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API


5) Mammut Runbold

Il noto marchio dell’abbigliamento di montagna propone questo paio di pantaloni convertibili da trekking ben realizzato, grazie ad un ottimo nylon resistente alle abrasioni e a un comfort decisamente apprezzabile.

Comode e pratiche le tasche a disposizione e la vestibilità è regolare.

Il prezzo è medio – alto, ma la qualità c’è e non tradisce le attese. Ideale per escursioni di media durata e di piccola – media intensità, dato che il modello non abbia rinforzi.

Ottima la traspirazione e l’assenza di odori. Le cerniere sono ricoperte per proteggere il contenuto dall’acqua, ma i pantaloni hanno un bassissimo livello di idrorepellenza.

Pro :

  • Traspirabilità
  • Qualità del materiale,
  • Comfort

Contro :

  • Bassa idrorepellenza
  • Mancanza di rinforzi
Mammut Runbold Zip off, Pantaloni da Trekking con Chiusura...
  • Il materiale in nylon, resistente all'abrasione e robusto, molto elasticizzato (4 vie), offre una grande libertà di...
  • Cerniera lampo per uso come pantaloncini, vita dall’altezza standard, ginocchia preformate.
  • 2 tasche laterali con chiusura lampo, taschino porta carte sulla gamba con chiusura lampo.
  • Istruzioni per la pulizia: non stirare.

Ultimo aggiornamento 2020-11-27 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API


6) Sukutu

Rapporto qualità – prezzo eccezionale per questo paio di pantaloni da trekking pensato per l’autunno avanzato e l’inverno. Il merito è tutto dell’interno in caldo pile.

Il tessuto esterno è softshell antivento e trattato con un buon sistema di idrorepellenza.

Comodi, pratici, con tasche a tenuta stagna, questo pantalone ha tutto per essere apprezzato, anche il prezzo.

Le ginocchia sono preformate, ma mancano i rinforzi. Per l’allacciatura, oltre alla zip e al bottone, vi è anche una cintura elastica.

Pro :

  • Rapporto qualità – prezzo
  • Isolamento termico
  • Tessuto
  • Elevata idrorepellenza

Contro :

  • Rinforzi mancanti
SUKUTU Pantaloni da Trekking per Uomo Softshell da Esterno...
  • Materiale: 92% poliestere, 8% elastan, elasticizzato e confortevole.
  • Strato superficiale idrorepellente e rivestimento antivento, comoda fodera interna in morbido pile, che ti mantiene...
  • Vita elastica: pantaloni softshell con elastico in vita per una vestibilità comoda.
  • Tasche con cerniera: pantaloni da montagna resistenti con 2 tasche laterali con cerniera, 2 tasche posteriori con...
  • Adatto per: attività all'aperto, escursionismo, sci, viaggi, campeggio, pesca, sport sul ghiaccio. Istruzioni per il...

Ultimo aggiornamento 2020-11-27 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API


7) Marmot Minimalist Pant

Grande qualità realizzativa per questi pantaloni molto discreti al punto che nemmeno sembrano pensati per il trekking.

Il resistente tessuto hardshell è munito di una particolare tecnologia che favorisce la ventilazione e la traspirabilità, oltre a garantire impermeabilità e questo è certamente un vantaggio.

Inoltre la speciale composizione stratificata dei materiali tiene lontano il vento dalle gambe dell’escursionista.

La mancanza di rinforzi su ginocchia e glutei non consente escursioni troppo impegnative, ma il comfort è ottimo e questo porta a sceglierli per percorrere tragitti anche piuttosto lunghi in condizioni climatiche difficili.

Ottimi in caso di pioggia e vento, ma non hanno grande isolamento termico.

I minimalist pant sono di alta fascia e lo dimostra il prezzo a cui vengono venduti.

Pro :

  • Qualità del tessuto
  • Impermeabili
  • Comfort

Contro :

  • Prezzo
  • Assenza di rinforzi
Marmot Minimalist pantaloni, Nero (Black 001), S, uomo
  • Resistenti, questi pantaloni antipioggia da uomo con 2, 5 strati offrono protezione contro il vento e condizioni...
  • Equipaggiato con la tecnologia gore-tex Paclite impermeabile e traspirante con effetto antigoccia, questi pantaloni...
  • Il tessuto traspirante di questi Pantaloni funzionali rimuove efficacemente l'umidità; le cerniere laterali alle...
  • Peso di soli 300 g, questi pantaloni protettivi sono molto leggeri; realizzati in poliestere riciclato, si adattano...
  • Pantaloni outdoor, tasche frontali, elastico in vita regolabile, cerniere resistenti all'acqua; area del ginocchio...

Ultimo aggiornamento 2020-11-27 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API


Come scegliere i pantaloni da trekking

pantaloni trekking uomo

Scegliere i migliori pantaloni da trekking significa considerare diversi aspetti che sono tipici dell’attività escursionistica, coniugandoli con le esigenze del soggetto relativamente alla lunghezza dei percorsi, ai sentieri e alla stagione, tenendo presente pure le condizioni climatiche.

Oltre a questo, un aspetto determinante è il tessuto con cui i pantaloni sono realizzati: spesso le vere differenze tra modelli sono determinate proprio da quest’ultimo particolare.

Quali caratteristiche devono avere i pantaloni da trekking?

  • Materiali: quasi sempre si scelgono pantaloni in tessuto tecnico, ossia un filato composto prevalentemente da fibre sintetiche che offre determinate caratteristiche di resistenza e di traspirabilità, consentendo un’asciugatura in tempi più brevi. Uno dei materiali più utilizzati è la poliammide, in quanto riesce a coniugare più aspetti. E’ anche importante avere, nella composizione, una parte di elastan per conferire maggior comfort e adattabilità al pantalone.
  • Resistenza superficiale: avere pantaloni da trekking resistenti è importantissimo. Questo dipende molto dal tessuto con cui vengono realizzati in quanto è fondamentale disporre di un paio di pantaloni che sia resistente a strappi e ad eventuali sfregamenti contro rocce, alberi, rovi. Questa è la caratteristica fondamentale che distingue un paio di pantaloni da trekking da modelli più semplici e tradizionali.
  • Lunghezza: la lunghezza dei pantaloni da trekking varia a seconda delle stagioni e del clima. Sebbene esistano pantaloni corti che arrivano fino al ginocchio, il consiglio è sempre orientato sulla scelta di pantaloni lunghi, a meno che le vostre escursioni non siano veramente brevi e semplici.
  • Tasche: i pantaloni da trekking devono essere provvisti di più tasche perché ci sono alcuni accessori che è sempre meglio tenere a portata di mano ma al tempo stesso riparati da polvere, pioggia o eventuali graffi (fazzoletto, occhiali, coltellino, documenti, smartphone, cartina dei sentieri). Fondamentale e avere la possibilità di disporre di più tasche, disposta magari anche anteriormente o lateralmente alla gamba.
  • Allacciatura: l’allacciatura dei pantaloni da trekking è un aspetto che spesso viene poco considerato, mentre invece riveste grande importanza soprattutto nelle escursioni più lunghe e impegnative. Talvolta lo sforzo di determinati movimenti può portare alla forzatura di cuciture o sistemi di allacciatura abbastanza semplici. Per tale motivo è importante scegliere un paio di pantaloni che preveda almeno una doppia allacciatura, con bottoni, zip, gangi, corde, elastici. Tra i metodi di chiusura indicati, alcuni sono logicamente migliori di altri poiché garantiscono una maggiore sicurezza nell’affrancare il pantalone: corde ed elastici vanno bene per un abbigliamento indicato per un trekking leggero e poco impegnativo, mentre sistemi di chiusura più solidi e sicuri sono preferibili quando le escursioni si allungano e richiedono un certo impegno.
  • Dettagli: i dettagli fanno la differenza tra un modello e un altro. Nei pantaloni da trekking questi risultano essere fondamentali per migliorare più che altro il comfort e la funzionalità, due aspetti importantissimi per l’attività escursionistica. La presenza di doppie cuciture, una cerniera stagna, un rivestimento impermeabile o zip che consentono di migliorare l’indossabilità allargando la parte inferiore delle gambe o di trasformare un pantalone lungo in uno corto, possono sicuramente orientare le scelte dell’escursionista esperto ma anche del principiante.
  • Traspirabilità: camminando si suda molto ed è utile beneficiare di un paio di pantaloni da trekking traspiranti, ossia che mandino verso l’esterno il sudore e l’umidità.

Come scegliere i pantaloni da escursionismo in base alle stagioni?

I pantaloni da trekking andrebbero scelti in base alle stagioni poiché è facile pensare che in inverno i sentieri si snodino in ambienti più freddi rispetto all’esta.

Sostanzialmente la differenza tra un capo d’abbigliamento e l’altro, viene determinata dal rivestimento interno del tessuto che determina una diversa pesantezza del pantalone in questione.

Ci sono modelli da trekking più pesanti che prevedono un materiale tecnico migliore e più portato a riparare dal vento e dal freddo, mentre altri offrono un fodera interna in pile o in tessuto speciale (goretex ad esempio) appositamente sviluppato per combattere le basse temperature e l’umidità.

Diversamente, in estate si privilegia la traspirazione ed eventualmente l’impermeabilità.

I pantaloni da trekking invernali meritano un’analisi più approfondita poiché a prevalere sulla scelta sarà il materiale di composizione e il comfort, mentre per i pantaloni da trekking estivi vengono privilegiate funzionalità e praticità.


Escursioni lunghe o escursioni corte: come cambiano i pantaloni da trekking?

Spesso si pensa che escursioni corte si possano svolgere tranquillamente con un paio di jeans o con un paio di pantaloni corti tradizionali.

La realtà però non è propriamente così, in quanto possono esserci escursioni corte impegnative o che si svolgono in condizioni difficili.

In poche parole è bene scindere il concetto di brevità con quello di semplicità.

Fatta questa premessa, il nostro consiglio si orienta comunque sulla scelta di un paio di pantaloni che possano essere versatili anche se per escursioni più lunghe un aspetto da considerare come primario riguarda il comfort.

Di solito per escursioni poco impegnative si preferiscono tessuti leggeri, magari poco traspiranti, ma molto pratici.

Al contrario, per escursioni più lunghe la tendenza è di preferire materiali più resistenti, idrorepellenti e traspiranti. Le stesse caratteristiche vanno considerate pure per camminate brevi ma su tratti impegnativi.


Meglio pantaloni da trekking lunghi o corti?

La domanda riguardante la scelta tra pantaloni da trekking lunghi o corti per l’attivitaà escursionistica, viene posta spesso e si dà come scontata la risposta che in estate i pantaloni corti sono decisamente migliori di quelli lunghi.

Come spesso capita, però, la realtà è un po’ diversa da quello che può essere il pensiero comune.

Infatti il nostro consiglio è quello di preferire sempre e comunque un paio di pantaloni lunghi anche per le esclusioni brevi estive.

Questo perché tale scelta, a meno che non abbiate già chiaro il percorso da fare, vi pone al riparo da eventuali pericoli come ad esempio insetti, zanzare, rovi, vipere, che potreste incontrare anche durante i brevi tragitti.

Esistono modelli molto leggeri, che da lunghi possono accorciarsi staccando una parte collegata da zip o bottoni: pantaloni di questo genere, tipicamente estivi, sono molto pratici, comodi, funzionali e soprattutto poco ingombranti (vi stanno comodamente anche in uno zainetto di piccole dimensioni)


Come scegliere la taglia dei pantaloni da trekking?

I pantaloni da trekking devono essere comodi e molti scelgono addirittura una taglia in più rispetto alla propria, specialmente nei modelli invernali dove vengono spesso indossati con dei sottopantaloni termici.

Diversamente, per modelli estivi averli troppo laghi può generare un impiccio durante le camminate ed è meglio quindi averli un po’ più aderenti.

In entrambi i casi non deve mancare il comfort poiché, soprattutto delle lunghe escursioni, un paio di pantaloni non comodi possono dare può dare luogo a irritazioni cutanee, fastidio, bruciore e arrossamenti.


FAQ Domande frequenti


Come sono fatti i pantaloni da trekking?

I pantaloni da trekking sono un vero e proprio accessorio di abbigliamento tecnico poiché sono realizzati con materiali speciali che vantano specifiche proprietà tecniche e termiche rispetto ai pantaloni più tradizionali che si impiegano tutti i giorni per andare in ufficio o al lavoro.

Innanzitutto è bene propendere per pantaloni da trekking che abbiano diverse peculiarità.

Spesso i modelli vengono progettati, disegnati, campionati e prodotti per poi essere testati anche da esperti alpinisti o escursionisti, in modo tale di avere risposte competenti e funzionali. Stilisti e progettisti possono, di conseguenza, ottimizzare il prodotto sulla base dei feedback ottenuti.

In questo modo, quando un pantalone da trekking esce sul mercato viene già consigliato per determinate tipologie di escursioni presentandosi come modello affidabile.

Che differenza c’è tra pantaloni da trekking impermeabili e idrorepellenti?

Le proprietà idrorepellenti respingono l’umidità e una pioggerellina lieve, occasionale, ma in caso di pioggia forte e regolare non sono in grado di non lasciare filtrare l’acqua.

Diversamente, l’impermeabilità evita di farti ritrovare con la gambe bagnate.

Qual’è la differenza tra Trekking e Hiking?

Premesso che questi termini sono oggi utilizzati correntemente come sinonimi, c’è l’idea che l’Hiking sia più impegnativo del Trekking.

In realtà è proprio il contrario. Il trekking, originariamente prevedeva escursioni molto lunghe, anche di più giorni, su sentieri difficili o comunque impegnativi.

L’hiking, invece, sarebbe un’escursione che si chiude in una giornata tra prati, boschi e sentieri di montagna abbastanza semplici.

Quando molti sono convinti di fare trekking, in realtà stanno facendo hiking. Poco male. La dotazione cambia relativamente, ma scegliendo un abbigliamento da trekking si ha la certezza di non sbagliare.

Cosa sono i sottopantaloni da trekking?

I sottopantaloni sono un indumento molto aderente alla pelle che si indossa sotto ai pantaloni da trekking per isolare meglio la muscolatura delle gambe durante le escursioni invernali o più fredde.

Esteticamente il sottopantalone è molto simile alla calzamaglia. Anche questo indumento deve essere traspirante ma termico al tempo stesso.

Cosa sono i sovrapantaloni da trekking?

I pantaloni da trekking spesso non sono impermeabili e quindi in caso di improvviso temporale possono bagnarsi e lasciar trapassare acqua al loro interno.

Per questo, esistono dei sovrapantaloni abbastanza larghi dotati di tessuto impermeabile. Si indossano sopra ai pantaloni da trekking.

This product was presentation was made with AAWP plugin.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su