Come Tirare Bene a Basket? Migliora la tua precisione

Author:

Published:

Updated:

Come Tirare Bene a Basket? Migliora la tua precisione

Affiliate Disclaimer

Angolosportivo.com è affiliato con Amazon, Decathlon e altri importanti punti vendita. In qualità di affiliato, ho diritto a ricevere una commissione per le vendite derivanti dai link presenti nei miei articoli.

La pallacanestro è un gioco di abilità, una delle quali è il tiro a canestro. Se eseguita correttamente, questa tecnica può fare la differenza tra le vostre abilità cestistiche.

Per diventare un buon tiratore sono necessari duro lavoro, dedizione e comprensione della meccanica del tiro.

Il tiro è uno degli aspetti più importanti della pallacanestro. Richiede molta pratica, ma una volta che avrete imparato a tirare bene, sarete in grado di portare il vostro gioco a un livello superiore.

Questo post del blog illustra i fondamenti di una buona forma di tiro e fornisce suggerimenti per rendere i vostri tiri più precisi. Illustra inoltre gli errori più comuni da evitare per fare sempre centro!

1. Pratica una forma corretta

Il primo passo per tirare bene a canestro è praticare una forma corretta. Assicurati che i piedi siano alla larghezza delle spalle e che il piede dominante sia leggermente in avanti.

Piega le ginocchia e tieni la schiena dritta, poi porta la palla verso la spalla non dominante. Quando sollevi il braccio per tirare la palla, guidala con le dita e assicurati che il gomito sia puntato verso il canestro.

Mira alla parte posteriore (la più lontana) del cerchio e rilascia la palla con il polso e le dita.

La palla deve lasciare la mano con una traiettoria verso l’alto. Assicuratevi di non tirare da una distanza eccessiva; allenatevi prima nel tiro a distanza ravvicinata e man mano aumentate la distanza.

2. Spingi sulle Ginocchia

Quando fai tiri a lunga distanza, abbassati sulle ginocchia quel tanto che basta affinché la spalla non debba farsi carico di un movimento scorretto.

Non serve dare troppa spinta, se spingi troppo rischi di affatticarti più in fretta del necessario e concedi più tempo alla difesa per recuperare la posizione e disturbare il tiro.

Gli unici momenti in cui serve spingere di più con le gambe è sui tiri in sospensione o sui tiri in corsa in penetrazione, in tutte le altre situazioni di gioco dovresti posse la priorità alla velocità di esecuzione.

3. Mantieni la schiena dritta

Ci sono tanti dettagli che riguardano la meccanica di tiro che devi necessariamente conoscere per migliorarti.

Spesso in fase di raccolta della palla si scende sulle gambe e ci si sporge in avanti o all’indietro. E’ un movimento corretto in fase di triplice minaccia per tenere distanza tra il pallone e l’avversario.

In fase di tiro però, ci si dimentica spesso che bisogna raddrizzare la schiena mentre si sale.

La caratteristica più importante per un tiratore è quella di conoscere il proprio corpo e notare ogni dettaglio della meccanica di tiro fuori posto, per poter correggere il tiro di conseguenza.

Ecco alcuni dettagli in questa fase da tener d’occhio:

  • Gomito a 90 gradi
  • Allarga la mano con cui tiri e senti il pallone con i polpastrelli
  • La mano d’appoggio serve solo per tenere fermo il pallone

4. Ricordati il movimento del polso (spezza il polso)

Ricordati il movimento del polso (spezza il polso)

E’ il movimento finale di un tiro ed ha diversi scopi, modificare la parabola del tiro, velocizzare il rilascio e migliorare la precisione.

Ricordati che il movimento deve terminare con il braccio dritto verso l’alto.

Puoi giocare con il movimento del braccio e il movimento del polso per creare tiri con una rotazione maggiore della palla ed una traiettoria tesa o con una parabola altissima con poca rotazione.

Per esempio un tiro teso con tanta rotazione non è un buon tiro al chiuso ma se giochi all’aperto in condizioni di vento è un arma incredibile.

In queste situazioni più alzi la parabola più il vento interferirà con il tiro. La rotazione maggiore farà in modo che il tiro abbia una velocità maggiore e sia meno influenzato dal vento.

5. Visualizza il tiro

Prima ancora di effettuare un tiro, concentratevi sull’obiettivo che volete raggiungere. Se la palla andrà a segno, sarà grazie alla vostra chiara concentrazione e al vostro forte desiderio. (oltre che ad una buona meccanica).

Il basket richiede concentrazione e disciplina. La pratica rende perfetti ma senza la giusta mentalità e sicurezza nei propri mezzi è improbabile che diventerete dei buoni tiratori.

Per quanto mi riguarda tutta la meccanica di tiro determina per il 30% la buona riuscita di quest’ultimo, semplicemente perchè come dice il nome è una meccanica. Se ti alleni con passione riuscirai a tirare con precisione.

Il 70% è un fattore mentale. Ho giocato con tanti ragazzi dall’altissimo potenziale che non riuscivano ad esprimersi perchè boicottati dai loro pensieri.

Alcuni erano fenomeni in allenamento ma poi in partita completamente assenti.

Per ogni giocatore che vuole diventare un buon tiratore è estremamente importante credere in se stesso e nelle proprie capacità.

Imparare la meccanica da una grossa mano a sviluppare l’autostima, ma senza una buona dose di quest’ultima anche la padronanza di una meccanica perfetta non vi permetterà di effese un buon tiratore in partite ufficiali.

6. Unisci i consigli precedenti in un movimento Fluido

E’ difficile dare consigli sul movimento fluido senza avere un paragone di riferimento.

Il movimento non deve essere forzato o innaturale. Deve fluire in modo naturale e fluido, con uno sforzo minimo.

Per ottenere questo risultato, è importante esercitarsi con i consigli sopra descritti fino a farli diventare automatici. Quando sarete diventati bravi, provate a combinarli in un unico movimento.

Può aiutarti cercare di emulare gli stili di tiro di molti famosi giocatori NBA, tra cui Steph Curry e Ray Allen.

Se ti piacerebbe allenarti anche a casa dai un occhiata alla mia Guida ai Migliori Canestri da Basket Portatili.


Le Basi essenziali per diventare un buon Tiratore


Triplice Minaccia

Un tiro corretto parte dal basso cosi come ogni azione pericolosa in possesso di palla parte dalla fase di raccolta del pallone.

In raccolta della palla, anche chiamata fase di triplice minaccia dovreste sempre avere più soluzioni, fintare, tirare, partire in palleggio e passare.

Ognuna di queste azioni parte dal basso e per eseguirle al meglio dovete conoscere alla perfezione i fondamentali, partenza incrociata, cambio di mano, finta di tiro, arresto ad uno o 2 tempi sono solo alcuni esempi di fondamentali essenziali per la riuscita di un buon tiro.

Volete migliorare il tiro nel più breve tempo possibile?

Iniziate dai fondamentali e dai movimenti senza palla, prendere un tiro completamente smarcati ha tutto un altro peso rispetto ad avere uno o 2 uomini addosso.

Imparare a leggere la Difesa

In una partita ufficiale non riuscirete a smarcarvi in ogni occasione dall’avversario, imparare a leggere la difesa è importante per tanti aspetti ma in questo caso specifico è essenziale per capire quando prendere un tiro, quando invece passare il pallone o fintare per poi penetrare a canestro.

Come avrete intuito, per essere una reale minaccia per la difesa i fondamentali citati nel punto 1 sono essenziali.

L’azione passa prima per la testa ma poi sta al vostro corpo eseguirla, avere idee e intuizioni brillanti è inutile se poi il vostro corpo non è in grado di ricreare la sua visione nella realtà.

Insistere nei fondamentali farà si che si crei un automatismo tra mente e corpo, migliorando riuscirete a compiere gesti complessi in automatico.

Cos’è un Buon Tiro?

Cos'è un Buon Tiro?

Una delle principali differenze tra un buon tiratore e un tiratore mediocre è la semplice scelta del momento.

Un buon tiratore sa quando deve tirare, quando invece passare o preferire una penetrazione in area. Ciò non vuol dire che faccia sempre la scelta giusta, ma nella maggior parte dei casi prende la decisione ideale in base al momento della partita.

Un tiratore mediocre prende dei tiri forzati e casuali in situazioni di gioco senza nessuno a rimbalzo e si affida alla fortuna più che alla tecnica o alla tattica.

Un buon tiro è anche un tiro preso in RITMO.

E’ un termine difficile da spiegare a parole ma si potrebbe riassumere con “ricevere un passaggio in una situazione di movimento, fermarsi con un arresto e tirare subito”.

E’ una situazione di gioco in cui ti smarchi in una posizione ideale per ricevere un passaggio.

Se padroneggi i fondamentali puoi crearti una situazione di ritmo anche senza passaggi e partendo dal palleggio, lo step back è un chiaro esempio, puoi ispirarti ai movimenti di Steph Curry ed allenarti per trarre il meglio anche da queste situazioni di gioco.


Esercizi per Migliorare il tiro (Video)


Errori frequenti sul tiro nel basket:

  • Posizione scorretta del gomito: Tiro storto
  • Posizione sbagliata dei piedi: Tiro storto
  • La mano d’appoggio (specialmente il pollice): Tiro deviato
  • Troppa spinta con le gambe: Tiro forzato
  • Troppa spinta con la spalla: Tiro forzato
  • Schiena non allineata: Tiro corto o tiro lungo
  • Senza spezzare il polso: Tiro casuale
  • Concludi il tiro con braccio in avanti e non dritto: Colpisci il ferro lontano e palla fuori o lontano dall’area dei 3 secondi

Conclusione

Per concludere, tirare bene a canestro si basa su pratica, tecnica e concentrazione. Il modo migliore per migliorare la tua precisione è lavorare sulla tua forma fisica ed esercitarti con costanza.

Con un po’ di dedizione e concentrazione, puoi lavorare per affinare le tue abilità e sviluppare una migliore precisione e controllo dei tuoi tiri.

Con la giusta mentalità e determinazione, chiunque può diventare un ottimo tiratore.

About the author