Btwin Tilt 500 Recensione

Btwin Tilt 500 Recensione : Il Miglior Rapporto Qualità Prezzo?

Questo Articolo Potrebbe contenere link di Affiliazione dei link di affiliazione Amazon o Awin, cliccando sui link e successivamente effettuando un acquisto mi permetterete di guadagnare una piccola commissione, nessun aumento di prezzo ovviamente. Maggiori informazioni qui.

La bici pieghevole è oggi un mezzo di trasporto interessante sotto diversi aspetti, più che altro pratici e funzionali.

L’idea di poter ripiegare la propria bicicletta e inserirla nel baule della macchina, in un armadio, portarla in ufficio oppure legarla al posteriore di un camper per essere utilizzata nel momento del bisogno, ha dato il via a diversi sviluppi che hanno di fatto aperto un intero settore, oggi sempre più in crescita.

Anche Decatlhon ha pensato di proporre prodotti simili e la sua B’Twin Tilt 500 è certamente una bici dal rapporto qualità prezzo vantaggioso, confermando in tutto e per tutto quella che da sempre è la principale filosofia della casa.

Una bici pieghevole si caratterizza solitamente per avere contenuti tecnici minimali e ingombri super ridotti, ma con questo prodotto in recensione by Decathlon la prospettiva muta, poiché non è solo in prodotto da primo prezzo.

Nel settore l’evoluzione ha raggiunto un punto ormai difficilmente superabile e quindi la partita si gioca sull’estetica, sui materiali, sulla praticità, sulle qualità delle ruote e degli accessori.

Con queste premesse la B’Twin Tilt 500 risulta davvero meritevole di essere presa in considerazione per svariati utilizzi e occasioni, è sicuramente una delle Migliori Biciclette Pieghevoli in Circolazione.



Il design

Tilt 500 nera
Tilt 500 nera

Il design della bici (Controlla qui su Decathlon la Disponibilità) è decisamente sobrio ma al tempo stesso simpatico, grazie a delle linee morbide che seguono uno schema che lateralmente pare quasi una lettera “H”.

Il tubolare trasversale del telaio appare poco ingombrante e pur essendo il solo che unisce l’anteriore al posteriore (come avviene spesso nelle bici pieghevoli), offre una sincera impressione di robustezza.

La forcella anteriore è rigida e non ammortizzata, dando l’impressione di sfinare il corpo bici, proseguendo con un piantone del manubrio snello e semplice, ma efficace.

La sella regolabile in altezza è inserita in un tubolare piuttosto basso ma estremamente allargato, molto solido, a favorire una riduzione dell’altezza del baricentro per dare al mezzo un migliore e più stabile controllo.

Molto discreti i due parafanghi, piacevoli le luci davanti e dietro e i catarifrangenti sui raggi delle ruote.

Le colorazioni disponibili sono 3: blu iris, giallo fluo e bianco ottico.

Nomi che rievocano le tinte di una vettura di classe con l’obiettivo di impreziosire il prodotto.

Interessanti le dimensioni dato che una volta ripiegata e quindi chiusa, il mezzo si compatta in 78 x 66 x 44 cm, diventando poi 148 x 110 x 58 quando verrà aperta e utilizzata.

Le caratteristiche tecniche

Il telaio è realizzato con un buon alluminio 6061 T6 in modo da portare il peso a non superare complessivamente i 13 Kg, conferendo comunque un aspetto solido, dinamico e reattivo.

Queste sono le caratteristiche di una bici pieghevole per un impiego prevalentemente cittadino.

Il sistema di chiusura è posto lateralmente e consente di richiudere la bicicletta in poco più di 15 secondi, con un blocco di sicurezza che evita al telaio di potersi riaprire accidentalmente durante la fase di trasporto.

Per l’occasione è previsto, nella parte bassa, un sistema di appoggio per migliorare la stabilità della bicicletta compattata evitando che possa cadere.

In realtà i punti di snodo chiusura sono 3: quello laterale per il telaio, quello anteriore per ripiegare il manubrio e l’ultimo presente sui pedali.

La forcella anteriore, prevista senza ammortizzazione, è realizzata in speciale acciaio Hi-Ten, un materiale speciale che viene impiegato soprattutto nella costruzione particolare delle bici BMX per dare più reattività e rigidità strutturale, ma anche per ottimizzare la resistenza a colpi e urti tipici di questa disciplina.

Anche se è un prodotto tendenzialmente economico, (Guarda il prezzo su Decathlon) Decathlon ha deciso di munirlo di un buon cambio Shimano a 7 rapporti in grado di favorire la fruibilità del mezzo anche su percorsi leggermente in salita, oltre che renderlo meglio sfruttabile nei tratti più pianeggianti.

Al manubrio si trovano i comandi di tipo Revo Shift sempre Shimano, che permettono intuitività e precisione nella gestione delle velocità.

La corona anteriore è a 44 denti, mentre al posteriore la scelta è ricaduta su una combinazione a 14-28 denti

La frenata è affidata a pattini azionati da un sistema di tipo V-Brake, più che sufficiente per un prodotto di questo tipo.

I cerchioni, non a doppia parete, compongono insieme alle gomme, ruote da 20 pollici, una misura tipica per le bike pieghevoli.

Nello specifico i pneumatici presentano un rinforzo per minimizzare il rischio foratura, con un battistrada che presenta lievi intagli, ideale per la circolazione sui tratti asfaltati o comunque duri della città, vista anche la dimensione d’impronta di 1,75.

La pedivella è realizzata in acciaio e i pedali sono ripiegabili per ridurre ulteriormente gli spazi quando la bicicletta viene ripiegata.

Il comfort

tilt 500 verde
tilt 500 verde

Trattandosi di una bici pieghevole indicata per utilizzi occasionali o comunque temporanei, il comfort non dovrebbe essere una priorità degli sviluppatori.

Invece questi hanno agito nel miglior modo possibile per fornire una ergonomia accettabile a partire da una larghezza manubrio di 56.

Il manubrio non offre possibilità di regolazioni perché queste sono presenti invece sulla sella, ma solo in altezza.

Parlando del sellino, risulta comodo perché realizzato in schiuma anche se dà l’impressione di essere un po’ economico.

Il reggisella è costruito in alluminio leggero ma al tempo stesso dotato di buona resistenza.

Gli accessori

Piacevoli, eleganti e discreti i parafanghi, ma non mancano il campanello, il cavalletto di sostegno, la eventuale protezione del deragliatore e le luci, posizionate davanti e dietro, direttamente agganciata al telaio.

Poi è possibile avere anche il portaborraccia e uno specchietto retrovisore, ma sarebbe probabilmente troppo e la loro installazione rappresenterebbe più che altro un vezzo che reale necessità.

Come va in strada?

Una delle qualità di questa bici pieghevole è proprio il comportamento stradale che la rende piacevole e adatta anche a piccoli tratti in sterrato leggero.

Le gomme hanno una dimensione tale che le rendono abbastanza versatili e questo è certamente un pregio anche quando si percorrono passaggi sul pavè o caratteristici dislivelli urbani.

Il cambio lavora bene anche se non offre una quantità di scelte tali per affrontare salite impervie: in questi casi è bene scendere e portare la bici a piedi.

Nei tratti pianeggianti o nei pendii leggeri si guida a proprio agio con tanta spensieratezza, controllo e sicurezza, dato che la bicicletta si fa sempre trovare reattiva quanto basta e pronta nella frenata.

Quando si forzano i ritmi le ruote vanno in sofferenza ed è un avvertimento che invita a capire che il prodotto non è stato costruito per quello specifico utilizzo ed è bene tenerne conto.

L’uso migliore è quello di tipo occasionale oppure temporaneo, inteso come in uno specifico periodo dell’anno come potrebbe essere una vacanza oppure il periodo di ferie estive al mare, al lago o in montagna.

Ideale anche nei villaggi turistici o nelle aree di campeggio.

La frenata è abbastanza ben modulabile anche se in caso di eccessiva sollecitazione i pattini potrebbero allungare leggermente la presa e irrigidirsi, diventando un po’ rumorosi.

Il problema, se mai dovesse comparire, si risolve acquistando un paio di pattini alternativi a mescola più morbida.

Guidandola, questa bici ti costringe a stare in una posizione comoda che richiama, almeno parzialmente, la postura che la tua schiena assume quando ti siedi su quelle sedie da scrivania super ergonomiche dallo strano design.

Vantaggi e Svantaggi della bici pieghevole B’Twin Tilt 500

Sicuramente il rapporto qualità prezzo si potrebbe assumere come la perfetta sintesi di questa bici.

Ad un prezzo accessibile e alla portata di tutti coloro che sono alla ricerca di una bicicletta elettrica pieghevole, viene offerto un insieme di caratteristiche di notevole spessore.

La combinazione tra alluminio e acciaio fanno in modo di ottenere un peso leggero e facile da maneggiare.

Un buon cambio regala precisione e sprint al momento giusto e si può perdonare se la frenata diventa lievemente rumorosa o se il manubrio non è regolabile.

La compattezza dimensionale, una volta ripiegato il mezzo, è invidiabile.

Conclusione

La bici pieghevole B’Twin Tilt 500 si mostra pratica, leggera e funzionale.

Sono queste tre caratteristiche che la rendono per certi versi unica nel suo genere, coniugando anche un’estetica discretamente accattivante e sbarazzina.

Si adatta a diversi target di età e a diversi utilizzi, ma la vediamo più a proprio agio nella percorrenza di tragitti medio – brevi da vivere occasionalmente e non certo come un percorso quotidiano.

In vacanza o in città sa ben destreggiarsi donando un comfort accettabile e presentandosi con la giusta reattività, proprio quella che serve nei contesti urbani.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su